Confinamento artificiale

Confinamento per bonifica di tubature riscaldamento. Tubazioni avvolte da coibentazione in matrice contenente Amianto friabile.

Prima dell’inizio del lavoro, la zona dovrà essere sgombrata da tutti i materiali ed attrezzature che possono essere spostati. Se i materiali e/o le attrezzature sono coperte da detriti o polvere, devono essere puliti a umido prima dello spostamento dalla zona di lavoro. Tutti i materiali e le attrezzature che non possono essere spostati devono essere completamente ricoperti con fogli di plastica di spessore adeguato ed accuratamente sigillati sul posto.

Tutte le armature per l’illuminazione presenti devono essere tolte, pulite e sigillate in fogli di plastica e depositate in zona di sicurezza incontaminata. Devono essere asportati tutti gli equipaggiamenti di ventilazione e riscaldamento e altri elementi smontabili, puliti e tolti dalla zona di lavoro. Tutti gli oggetti inamovibili devono essere sigillati, in modo tale che non vengano danneggiati e/o contaminati durante il lavoro. Devono essere rimossi tutti i filtri dei sistemi di riscaldamento, ventilazione e condizionamento. I filtri sostituiti vanno posti in sacchi sigillati di plastica per essere smaltiti come rifiuti contenenti amianto. I filtri permanenti vanno puliti a umido e reinstallati.

Tutte le aperture di ventilazione, le attrezzature fisse, gli infissi e radiatori, devono essere sigillati sul posto, uno per uno, con fogli di plastica chiusi da un nastro adesivo fino a che il lavoro, pulizia compresa, non sarà completato.
Il pavimento dell’area di lavoro dovrà essere ricoperto con uno o più fogli di polietilene di spessore adeguato. Le giunzioni saranno unite con nastro impermeabile; la copertura del pavimento dovrà estendersi alla parete per almeno 500 mm.
Tutte le pareti della zona di lavoro saranno ricoperte con fogli di polietilene di spessore adeguato e sigillate sul posto con nastro a prova di umidità. Tutte le barriere di fogli di plastica e l’isolamento della zona vanno mantenuti durante tutta la preparazione del lavoro.
Bisognerà effettuare ispezioni periodiche per assicurare che le barriere siano funzionanti.

Tutti i cavedi e le altre possibili comunicazioni per il passaggio di cavi, tubazioni, ecc. devono essere individuati e sigillati. I bordi delle barriere temporanee, i fori e le fessure vanno tamponati con silicone o schiume espanse. Porte e finestre vanno sigillate applicando prima nastro adesivo sui bordi e coprendole successivamente con un telo di polietilene di superficie più estesa delle aperture.

Inserimento di un estrattore. Per realizzare un efficace isolamento dell’area di lavoro e’ necessario, oltre all’installazione delle barriere (confinamento statico), l’impiego di un sistema di estrazione dell’aria che metta in depressione il cantiere di bonifica rispetto all’esterno (confinamento dinamico). Il sistema di estrazione deve garantire un gradiente di pressione tale che, attraverso i percorsi di accesso al cantiere e le inevitabili imperfezioni delle barriere di confinamento, si verifichi un flusso d’aria dall’esterno verso l’interno del cantiere in modo da evitare qualsiasi fuoriuscita di fibre. Nello stesso tempo questo sistema garantisce il rinnovamento dell’aria e riduce la concentrazione delle fibre di amianto aerodisperse all’interno dell’area di lavoro.
L’aria aspirata deve essere espulsa all’esterno dell’area di lavoro, quando possibile fuori dall’edificio.

L’uscita del sistema di aspirazione deve attraversare le barriere di confinamento; l’integrità delle barriere deve essere mantenuta sigillando i teli di polietilene con nastro adesivo intorno all’estrattore o al tubo di uscita. L’aria inquinata aspirata dagli estrattori deve essere efficacemente filtrata prima di essere emessa all’esterno del cantiere.
Gli estrattori devono essere muniti di un filtro HEPA (alta efficienza: 99.97 DOP).
Gli estrattori devono essere messi in funzione prima che qualsiasi materiale contenente amianto venga manomesso e devono funzionare ininterrottamente (24 ore su 24) per mantenere il confinamento dinamico fino a che la decontaminazione dell’area di lavoro non sia completa. Non devono essere spenti alla fine del turno di lavoro ne’ durante le eventuali pause.
In caso di interruzione di corrente o di qualsiasi altra causa accidentale che provochi l’arresto degli estrattori, l’attività di rimozione deve essere interrotta; tutti i materiali di amianto già rimossi e caduti devono essere insaccati finchè sono umidi.
L’estrattore deve essere provvisto di un manometro che consenta di determinare quando i filtri devono essere sostituiti.
Il cambio dei filtri deve avvenire all’interno dell’area di lavoro, ad opera di personale munito di mezzi di protezione individuale per l’amianto.
Tutti i filtri usati devono essere insaccati e trattati come rifiuti contaminati da amianto.

Predisposizione di una uscita di sicurezza. Deve essere predisposta un’uscita di sicurezza per consentire una rapida via di fuga, realizzata con accorgimenti tali da non compromettere l’isolamento dell’area di lavoro (ad es. telo di polietilene da tagliare in caso di emergenza). Deve essere installato un impianto temporaneo di alimentazione elettrica, di tipo stagno e collegato alla messa a terra. I cavi devono essere disposti in modo da non creare intralcio al lavoro e non essere danneggiati accidentalmente.

Chi ha letto questo articolo ha cercato anche:

controlli periodici amianto
coperture in eternit normativa
costi rimozione amianto compatto